Home > Persona 5 casino theme lyrics

Persona 5 casino theme lyrics

Persona 5 casino theme lyrics

Ehi ma che dici a me? Quando il lago va in secca, s'avrà a morire allora, No, eh, ma che dici a me? Ehi ma che dici a me, Ehi ma che dici a me? Ehi ma che dici a me, No, dài, non è possibile! Te reggi il fucile io me ne scappo via No, eh, ma che dici a me? Ehi, ma che dici a me? No, dài, non è possibile. Ammazzare con un'arma Non mi pare granché divertente, No, eh, ma che dici a me? Hanno fabbricato quella bomba E poi mi chiamano un tipo strano? No, eh, ma che dici a me? E ora te lo ridico: La guerra è un peccato. Ho sentito dire che hanno fabbricato una bomba Che ha uno stile tutto suo, Fabbricata per risparmiare la culla Mentre ammazza il bambino. Ora, se mi chiedeste qualcosa, Direi che è proprio bello strano Ammazzare tutti, vicini e lontani, Ma risparmiare la loro casa nel campo d'azione.

Hanno fabbricato quell'ordigno nucleare E poi mi chiamano un tipo strano? Italian Toscano Livornese. Il ponte di Calignaia. Dé, o 'un mi dice: Dé senti, me lo diciammé? Dé bimba, me lo diciammé O ce l'hai sotto sale? Le petunie vattele a' nnaffiatté, Ora si va di là sur canapè! Dé Piera, me lo diciammé? Dé moglie, me lo diciammé? A spiaccïàtti buttati te, E io vo ar bàrre a fammi un Fernè. Sandrino, me lo diciammé? Su, piglia 'r fucile e stacci te, Ché io vo giù, ma di 'orza pe' tre, E scappo a Rosignano Sorvé! Andà' a ammazzà' ner Congo o ner Tigré? Io ar massimo 'or niutrone Ci fo la pórvere pe' ffà' ir buatone! Dé budiùlo, me lo ditammé?

Fate le bombe 'e d'un gristiano 'Un resta manco ir dito d'una mano E poi saré' io ir tipo strano? Spero vi brucino ir deretano! Ha' pregato tanto, ora prega pe' te! Va' a brucià' tutto pour l'éternité! E mentre bruci in quer letamaio, Sent'un po' a me: La guerra è un troiaio! No, dé, tu me l'ha addi' a me! These are the words of the original version by Charlie Poole Traduzione italiana della canzone originale di Charlie Poole di Riccardo Venturi, Mi hai ben nutrito ma la legna non la taglio, No, ma che dici a me?

Quando il lago va in secca, s'avrà a morire allora, No, ma che dici a me? We may be crazy and all like that But please quote correctly from Jim Krause! You ain't talkin' to us, You ain't talkin' to us. What you quoted is awfully wrong, You picked it up from Antiwarsongs. I heard that a certain mr Krause Had written a parody, and that's all, So please don't behave like a fool, This song isn't really by Charlie Poole. You ain't talking to us. We may be crazy and all like that But we stand for the rights of poor Krause! Please get the Prize and go your way, Ok, we say, what's done is done, They'd better give it to Leonard Cohen. English CERNglish. I saw a sign in the window when I was walking in the town "Enter the army and you see the world Enlist and we will be at horse [1] You will see a lot of places with a very good company You will meet a lot of people And also learn to kill them Oh, you are not talking to me, no?

It is not me that you are talking It can well be that I am crazy but I also have some common sense, you are not talking to me you are not talking to me To kill people with a gun it doesn't sound much fun you are not talking to me! There was a general that pulled the sock [2] He went to Paradise and met St. Peter and St. Peter asked if he passed the exam "I have prayed for the soldiers that they didn't lose the straight way" St Peter looked at him, pissed black [3] and that's what he said: Oh, you are not talking to me, no?

Put it well in your head [5] It seems to me that I am talking to a wall. Le son cipolle! Get the Link Show in the timeline Does anyone know the provenance of these lyrics? Get the Link Show in the timeline Hai ragione! Ma la versione antimilitarista sopra riportata - che non ricordo dove il mio alias Alessandro prese ormai quasi 10 anni fa - viene attribuita a Charlie Poole persino da Bob Dylan nella sua lezione di letteratura per la Nobel Foundation avvenuta proprio ieri, 4 giugno , a Los Angeles Il mistero resta da approfondire La versione che ripresi da Mudcat Cafè non era quella originale di Charlie Poole che comunque risale alla fine degli anni 20 e non al primo conflitto mondiale o una sua riscrittura di quell'epoca, ma una versione che un collaboratore del Mudcat Cafè, tal Jim Krause, ha scritto nel sulla falsariga della canzone di Poole.

Get the Link Show in the timeline Sorry, I made a mess! Bob Dylan will try to kill me! Se ho capito bene in questo articolo si ipotizza che lo stesso Charlie Poole abbia cambiato le parole successivamente anche senza averle incise. Ma non sanno niente del post su mudcat Che dire? Get the Link Show in the timeline Abbiamo creato un caso internazionale? La quale minkiata rischia di diventare poi, magari a distanza d'anni, verità certificata. Get the Link Show in the timeline La faccenda si complica. Un nuovo thread su mudcat con un link al nostro sito fa sospettare che l'autore della parodia sia davvero di Jim Krause e Dylan abbia sbagliato a citare proprio questi versi.

D'altra parte sembra che abbia scopiazzato da internet anche il commento a Moby Dick Ho inserito una introduzione in inglese che cerca di spiegare la cosa. Magari Riccardo potresti rivedere un po' l'inglese e eventualmente ampliarla e vediamo se qualcuno si fa vivo per risolvere il mistero? Get the Link Show in the timeline Mi sa che qui non c'è nessun mistero: Come quella che il vecchio Bob ha creato intorno a se stesso: Un crocevia di personaggi ed invenzioni in cui certo non poteva mancare il tormentato Achab. Get the Link Show in the timeline Dear Lorenzo, the English of your introduction is quite correct and readily understandable.

Well, I'd be rather astonished if it weren't so, you must have been talking in English all the time when you worked for CERN; but what the heck is the "proveniente lyrics"? Salud [RV]. Get the Link Show in the timeline italish. There is a musician named Jim Krause who has a website, — I don't know whether this is the same Jim Krause who posted to mudcat in , but I reckon it's worth a try. I hope that if you find anything out, you'll come back here to tell the rest of us about it.

Here's his mail address: Will somebody please post this recording on Youtube, please! Cheers from Basel, Switzerland Martin Schaefer. Get the Link Show in the timeline I'd love to see a translation of this song into good CERNglish , I think you could make it so that next time mr Robert Zimmermann is awarded the Nobel prize for physics he can quote directly from it!!! Salud, RV. Get the Link Show in the timeline nrk. Jim Krause is not listed as a member and I cannot find the discography. The real one, living in Kansas, who recorded the song with the Alferd Packer Memorial String Band, is to be found here: But for sure he is the author of the song.

Friends for Lunch - retro. Anyway, it's just what's happening everywhere: Get the Link Show in the timeline But do yo want to put? We're always at the doors with the stones and there's no tripes for cats. Ehi, guardate un po' chi si rivede. Hue ciao ragazzi. Hai la faccia di legno, dove cazzo eri finito? Ma no, niente, e' che c' ho un' esame in ballo e poi non sono stato molto bene.

Dicci cosa hai avuto di preciso. Mah, mi ha detto il medico che ho le papille - Eh? Lei ti ha dato il due di picche? Ma no , che cosa dite? Lei mi e' molto affezzionata, solo che -uhh-ha delle storie col suo tipo che la rendono infelice, e siccome a lei ci tengo piu' che a me, ho parlato al suo ragazzo e l' ho convinto a ritornare da lei Ma non starai mica piangendo? No, e' che mi e' andata una bruschetta nell'occhio. L'occhio spento e il viso di cemento, lei e' il mio piccione io il suo monumento. Servi della gleba a tutta birra, carichi di hl di sburra; cuore in fiamme e maschera di ghiaccio, noi col nostro carico di sfaccio.

Servi della gleba planetaria, schiavi della ghiandola mammaria, come dei simbolici Big Jimme: Lassame canta' sto storneletto Faso al telefono: Perche' volevo chiederti due cose Senti, guarda, sinceramente vado al dunque subito, ci sono rimasto molto male perche' ho saputo che sei uscita con Tafano ieri sera, e Scusa, ti ho telefonato a cena, ti ho detto: E va beh , se poi esci con lui Pensi che sia un problema per me accettare che tu hai una storia?

Un uomo? Forza, unione e organizzazione e lo sciopero general; avanti alla Rivoluzione, lottiamo pel nostro Germinal! Da Questa pagina , dove siamo per altro citati. Innanzitutto ci risultava inaccettabile il riferimento diretto al partito proprio in apertura della prima strofa. Anche il testo di Pottier parla di partito dei lavoratori, ma in modo inequivocabilmente antiautoritario. Appare chiaro, leggendo il testo, che la concezione di partito dei lavoratori di Pottier doveva essere ben diversa dalla nostra. Vale la pena confrontare la prima strofa della versione del con quella italiana del In apertura del canto Pottier non parla di partito né di colori simbolici, ma di gente che lavora e tuttavia soffre una miseria insopportabile.

Non si rivolge ai compagni, ma agli schiavi del lavoro, incitandoli alla giusta ribellione: A partire da queste riflessioni sulla prima strofa abbiamo scritto la nostra versione, ritornando alla fonti che sentivamo più vicine al nostro pensiero: Riproponiamo qui il testo di Pottier seguito dalla nostra proposta. Avanti dannati ed oppressi nel cuore tuona la ragion diseguaglianza e sfruttamento col passato cancelliam L'Anarchia sarà emancipazione dallo Stato e schiavitù al vento bandiere rossonere fratellanza e nulla più. Tutti uniti lottiamo il nostro fine sarà la rivoluzione sociale per l'intera umanità Tutti uniti lottiamo il nostro fine sarà la rivoluzione sociale per l'intera umanità Mai più ne' salvatori supremi ne' dio ne' re ne' capo alcun la società autoorganizzata ed il libero pensier Pace a noi guerra ai tiranni Fuoco e piombo ai general siamo nulla e saremo tutto nell'internazional Tutti uniti lottiamo il nostro fine sarà la rivoluzione sociale per l'intera umanità Tutti uniti lottiamo il nostro fine sarà la rivoluzione sociale per l'intera umanità!

As for the Italian versions of the "Internationale", special reference should be made to the astounding progressive rock version played by AreA in Milano , p. E' probabilmente opera di Santo Catanuto stesso. The rhyming Italian version, consistent with the original French lyrics, included by Santo Catanuto and Franco Schirone in: Probably translated by Santo Catanuto himself. Dannati della terra! Derelitti e senza pari, La giustizia rugge sotterra, Il tracollo non è lontan.

Il passato sepolto giaccia Folla di schiavi! Sorgi, or su! Il mondo sta per mutar faccia, Tutto sarà chi nulla fu! È la lotta finale! Tutti uniti, e sarà l'Internazionale l'intera umanità. Non v'han supremi protettori Né dio, né re, né capo alcun; Da noi pensiam, lavoratori A conquistare il ben comun! Se frenar vogliam la rapina Se il pensiero libero vogliam, Sofficamo noi nella fucina, Rovente è il ferro, lo battiam! Tiranno Stato e legge infida Balzel che fino al sangue va Nessun dover al ricco è guida, Diritti il povero non ha. In tutela ci hanno conflitto, Uguaglianza altre leggi diè: Nel fasto guazzano i padroni della miniera e dell'acciar. Cos'altro han fatto quei predoni Che sul lavoro altrui rubar?

Nei forzieri va della banda Quanto l'uomo produrre suol: La borghesia ci ha massacrati Sia guerra a lei, fra noi non più! In sciopero ancor noi, soldati! Scuotiam la dura servitù! E se l'ordin riceveremo Contro i fratelli disparar, Ai cannibali insegneremo La vita umana a rispettar! Siamo noi, coloni ed operai, Il gran partito del lavor. Ma un bel mattino se avverrà Che fuggan corvi ed avvoltoi, Per sempre il sole splenderà! Qui di seguito la riproponiamo per confrontarla on la versione italiana firmata da 'Bergeret' che ancor oggi è diffusa e cantata.

Pur non sfuggendo alla critica da parte di intellettuali non appiattiti sul comunismo di stato o sui partiti affogati nella terza internazionale e di gruppi eretici del marxismo-leninismo. Avanti gli oppressi! Nel suo cratere tuona la ragione, È l'eruzione finale. Il passato cancelliamo, Folla schiava, avanti, avanti! Il mondo cambierà presto le basi: Siamo nulla e sarem tutto. È la lotta finale: Uniamoci e sarà L'Internazionale La futura umanità. Niente più salvatori supremi: Il fuoco nella forgia Attizziamo da soli, Battiamo il ferro caldo. Lo Stato opprime, la legge bara; Le tasse succhiano il disfraziato; Il ricco non ha alcun dovere, e il diritto del povero è parola.

Basta languire, oppresso! L'uguaglianza vuol un'altra legge; "Nessun diritto senza il suo dovere, Nessun dovere senza il suo diritto. Nel loro orribile trionfo Il re del trono e i re della miniera null'altro han fatto mai che rubare al lavoro: E rivolendolo indietro Il popolo vuole solo il suo. Ci ubriacano di fumo, Pace fra noi, guerra ai tiranni! Anche i soldati in sciopero! Su, rompiamo le file! E se i cannibali si ostinano A far di noi degli eroi, Presto sapran che le pallottole Son pei nostri generali. Operai, contadini, noi siamo Il gran partito dei lavoratori; Degli uomini è la terra, L'ozioso viva altrove!

La nostra carne mangiano. Ma se corvi e avvoltoi Spariscono in questi giorni, Per semple i sole risplenderà. Di Salvo Lo Galbo. Del passato, quel che rimase lo butteremo tutto giù. Il mondo cambia dalla base, nulla sarà più come fu. È la lotta finale. La legge ipocrita e fasulla nessun dovere al ricco dà. Diritto è una parola nulla per chi muore di povertà. Le tasse ci succhiano il sangue, ci opprimono le autorità. È la miseria in cui si langue nella vostra legalità.

Fusa nelle loro casseforti la ricchezza del mondo è. Che i frutti del lavoro estorti reclami il popolo per sé! I re ubriacano la leva del fumo dei loro perché. Più ordini non si riceva! Pace tra noi, guerra ai re! E se vorrete ancora eroi da decorare alla virtù, conoscerete ora da noi come sappiam spararvi su. Da tutto il mondo, un solo coro. E da chi vuol la nostra carne, da tutti i corvi e gli avvoltoi, sapremo il cielo liberarne. E sarà il sole su di noi. Fausto Amodei 's Italian version.

La version italienne de Fausto Amodei Fausto Amodei n italiankielinen versio. Questo vecchio mondo cadente cambierà solo grazie a noi: È la lotta finale, tutti uniti e sarà l'Internazionale l'intera umanità. Non più supremi salvatori né Re, né Dio, né tribuni: Per abbattere tutto quello che ci toglie la libertà forgiam noi stessi quel martello che le catene spezzerà. La legge serve ai manigoldi e non assegna mai doveri a chi possiede tanti soldi né diritti a chi non ne ha.

Quei doveri che son prescritti per opprimerci in schiavitù finché sarem senza diritti noi non li accetteremo più. Gli agrari, gli speculatori e i capitani dell'industria non han mai fatto altri lavori che sfruttare il lavoro altrui. La ricchezza da noi creata se la godono 'sti avvoltoi; vogliamo che ci sia ridata perché essa spetta solo a noi. Sia pace tra noi proletari e guerra sia contro i tiranni, si scioperi tra i militari e s'impari a dire di no! E voi che siete tanto vili da costringerci a far gli eroi sappiate che i nostri fucili li punteremo addosso a voi. Il gran partito del lavoro si batterà perché la terra non appartenga a chi ha dell'oro ma di tutti sia proprietà.

Chi finora ci ha dissanguato molto presto scomparirà e sopra un mondo liberato di nuovo il sole splenderà. Aron Kots. Romanized Russian version. Kots, in tutto l'impero Russo vigeva ancora l'antica ortografia che fu riformata dal governo rivoluzionario nel , con l'eliminazione di tutte le lettere inutili omofone, "doppioni" ecc. Abbiamo provato, per motivi storici, a ripristinare quello che doveva essere il testo della versione russa dell'Internazionale nell'ortografia coeva.

In , when A. Kots composed the Russian version of the Internationale, Russian was still officially written with the old spelling system, which was reformed by the revolutionary cabinet by dropping "useless" letters homophones, doublets etc. We have tried, for historical reasons, to restore the lyrics of the Russian version of the Internationale to the coeval spelling. We shall destroy the world of violence to its foundations, and then we shall build a new world. Those that were nothing shall become everything! This is our final and determined battle.

With the Internationale the human race will leap up. Nobody will send us deliverance. Not God, nor Tsar, nor a hero. We shall be liberated by our own hands. To overthrow oppression, skilled hands take back all that is good - Blow up the furnace and strike boldly while the iron is hot! Enough sucking blood, vampires. Prison, taxes, poverty! You have all authority, all the blessings of the world. But our rights - an empty sound!

We shall build a different life - and here is our battle cry. All power to the workers! And all parasites their share! Nel , lo stesso Aron Kots tradusse fedelmente la versione originale francese di Eugène Pottier, completa di tutte e sei le strofe. Le strofe 1, 2 e 6 sono naturalmente quelle della sua prima versione del , mentre le altre tre compresa la 5a strofa antimilitarista furono tradotte ex novo. La versione completa fu pubblicata nel In , Aron Kots himself faithfully translated Eugène Pottier's original French poem including all 6 verses. Verses 1, 2 and 6 are taken of course from his version, while the other three including the anti-militarist 5th verse were translated ex novo.

The complete version was published Romanized lyrics of the foregoing version according to the transcription principles used in this website. Prezrennyj vy v svoëm bogatstve, Uglja i stali koroli! Vojna tiranam! Mir Narodu! Bastujte, armii syny! Gatov [] Alternative and complete version by A. Gatov []. Romanized version of the foregoing Russian version:. V Internacionale solëtsja rod ljudskoj! Narodam — mir, vojna — tiranam! Si tratta in realtà di una versione composita: The alternative version by Anatoly Zarnitsyn. It is in fact a composite version: Romanized lyrics of the foregoing version. Zakon ravenstva prav, - On govorit: Durante il Terrore staliniano molti prigionieri rinchiusi a Butyrka vennero giustiziati sommariamente.

Nelle sue celle furono rinchiusi molti nomi noti, come Aleksandr Solzhenitsyn ed Evgenija Ginzburg. La strofa è accompagnata da una traduzione inglese. Stand up, you who have eaten half a pound, Go fetch flour from the village. Take off your last shirt With your own hands. In essa la componente antimilitarista e contro la guerra è pienamente presente, ma è considerata una versione "difficile" per il tipo di linguaggio usato, assai arcaico e solenne Pete Seeger l'ha definita "totally unsingable".

Tra [parentesi quadre] vengono indicate le più comuni varianti. The anti-militarist stanza is present, but it is considered a "difficult" version because of the archaic, high-falutin language used Pete Seeger said it is "totally unsingable". The commonest variants are indicated in [square brackets]. Arise you prisoners of want! For reason in revolt now thunders, And a better age shall dawn Now away with all your superstitions, Servile masses arise!

Then come comrades rally! And the last fight let us face. The Internationale unites the human race! No saviours from on high deliver, No trust we have in prince or peer; Our own right hand the chains must shiver. Chains of hatred, greed and fear. We're tricked by laws and regulations, Our wicked masters strip us to the bone. The rich enjoy the wealth of nations, But the poor can't sell their own. Long have we in vile bondage languished, Yet we're equal one and all No rights but duties for the vanquished We claim our rights for duties done.

The kings of mines and ships and railways, Resplendent in their vulgar pride, Have plied their task to exploit always Those whose labor they've 'ere decried. Great the spoil they hold in their coffers, To be spent on themselves alone; Someday we'll seize it in spite of scoffers, And know that we have got our own. These kings defile us with their powder, We want no war within the land; Let soldiers strike for peace call louder, Lay down arms and join hand in hand. Should these vile monsters still determine. Heroes to make us in despite, They'll know full soon the kind of vemin Our bullets hit in this lost fight.

We peasants, artisans and others Enrollees among the sons of toil Let's claim the earth henceforth for brothers, Drive the indolent from the soil! On our flesh too long has fed the raven, We've too long been the vulture's prey. But now fare well the spirit craven, The dawn brings in a brighter day! No saviors from on high deliver, No trust we have in prince or peer; Our own right hand the chains must shiver.

No more tradition's chains shall bind us Arise, ye slaves, no more in thrall; The earth shall rise on new foundations We have been naught we shall be all. We want no condescending saviors to rule us from their judgement hall We workers ask not for their favors Let us consult for all. To make the theif disgorge his booty To free the spirit from its cell We must ourselves decide our duty We must decide and do it well.

The law oppresses us and tricks us, the wage slave system drains our blood; The rich are free from obligation, The laws the poor delude. Too long we've languished in subjection, Equality has other laws; "No rights," says she "without their duties, No claims on equals without cause. Behold them seated in their glory The kings of mine and rail and soil! What have you read in all their story, But how they plundered toil? Fruits of the workers' toil are buried In strongholds of the idle few In working for their restitution the men will only claim their due.

We toilers from all fields united Join hand in hand with all who work; The earth belongs to us, the workers, No room here for the shirk. How many on our flesh have fattened! But if the norsome birds of prey Shall vanish from the sky some morning The blessed sunlight then will stay. The International Soviet.

Deriva chiaramente da quella britannica nella variante workers , con lievissime differenze, ma consta soltanto di tre strofe. The standard Canadian English Version. Its derivation from the British English version workers variant is clear, but only three stanzas are commonly sung. For reason in revolt now thunders And at last ends the age of cant. Away with all your superstitions Servile masses arise, arise We'll change henceforth the old tradition And spurn the dust to win the prize. So comrades, come rally And the last fight let us face!

No more deluded by reaction On tyrants only we'll make war The soldiers too will take strike action They'll break ranks and fight no more. And if those cannibals keep trying To sacrifice us to their pride They soon shall hear the bullets flying We'll shoot the generals on our own side. No saviour from on high delivers, No faith have we in prince or peer; Our own right hand the chains must shiver Chains of hatred, greed and fear. E'er the thieves will out with their booty And give to all a happier lot.

Each at the forge must do their duty And we'll strike while the iron is hot! Deriva chiaramente da quella statunitense di Charles Hope Kerr , con lievissime variazioni. Il canto comporta solo due strofe. The standard version as sung in the Republic of South Africa where it was strictly prohibited during the Apartheid period. Its derivation from the US version by Charles Hope Kerr is clear, but only two stanzas are commonly sung. Never more traditions' chains shall bind us Arise ye toilers no more in thrall The earth shall rise on new foundations We are but naught we shall be all. Then comrades, come rally!

And the last fight let us face The Internationale Unites the human race! We want no condescending saviors To rule us from their judgment hall, We workers ask not for their favors Let us consult for all: To make the thief disgorge his booty, To free the spirit from its cell, We must ourselves decide our duty, We must decide and do it well. Don't cling so hard to your possessions For you have nothing, if you have no rights. Let racist ignorance be ended For respect makes the empires fall Freedom is merely privilege extended Unless enjoyed by one and all.

So come brothers and sisters For the struggle carries on! The Internationale Unites the world in song. So comrades come rally For this is the time and place! The international ideal Unites the human race. Let no one build walls to divide us Walls of hatred nor walls of stone Come greet the dawn and stand beside us We'll live together or we'll die alone In our world poisoned by exploitation Those who have taken, now they must give And end the vanity of nations We've one but one Earth on which to live So come brothers and sisters For the struggle carries on!

And so begins the final drama In the streets and in the fields We stand unbowed before their armour We defy their guns and shields When we fight, provoked by their aggression Let us be inspired by life and love For though they offer us concessions Change will not come from above. Rimediamo a anni e anni di distanza, con la speranza che ne seguano altre in altre lingue: Non attaccatevi forte ai vostri averi Perché non avete nulla, se non avete diritti. Sia messa fine all'ignoranza razzista Perché il rispetto fa cadere gli imperi, La libertà è solo estensione dei privilegi Se non ne godono tutti quanti.

E allora venite, fratelli e sorelle, Perché la lotta continua! L'Internazionale Unisce il mondo nel canto. E allora, compagni, riuniamoci Perché questo è il tempo e il posto! L'ideale internazionale Unisce la razza umana. Nessuno eriga muri per dividerci, Né muri di odio, né muri di pietra Venite a salutar l'alba e stateci a fianco, Vivremo assieme, o moriremo soli. Nel nostro mondo avvelenato dallo sfruttamento Chi ha preso ora deve dare, E basta con i vani nazionalismi, Abbiamo una sola Terra sulla quale vivere E allora venite, fratelli e sorelle, Perché la lotta continua!

E allora inizia il dramma finale Nelle vie e nei campi, Non ci chiniamo ai loro mezzi corazzati, Sfidiamo le loro armi e i loro scudi Quando combattiamo, provocati dalla loro aggressione, Ispiriamoci alla vita e all'amore, Perché, anche se ci offrono concessione, Il cambiamento non verrà dall'alto E allora venite, fratelli e sorelle, Perché la lotta continua! So comrades, come rally And the last fight let us face The Internationale unites the human race. No more deluded by reaction On tyrants only we'll make war The soldiers too will take strike action They'll break ranks and fight no more And if those cannibals keep trying To sacrifice us to their pride They soon shall hear the bullets flying We'll shoot the generals on our own side.

No saviour from on high delivers No faith have we in prince or peer Our own right hand the chains must shiver Chains of hatred, greed and fear E'er the thieves will out with their booty And give to all a happier lot. Each at the forge must do their duty And we'll strike while the iron is hot. And if those thieves think it's their right To sacrifice us to their dream They'll see we've just begun to fight It's time to change our world regime We've got something, something to prove And everything to gain We've got nothing, nothing to lose Nothing to lose, except our chains We've got something, something to prove And everything to gain We've got nothing, nothing to lose Nothing to lose, except our chains So comrades, come rally And the last fight, let us face The Internationale Unites the human race.

La riprendiamo da: We reproduce it from this page. Let us discard the past, Army of slaves, arise, arise! The world is changing at the base, We who have been nothing, let's be everything! It is the final struggle Let us gather, and tomorrow The Internationale Will be mankind! There are no supreme saviours, Neither God, nor Caesar, nor tribune. Producers, let's save ourselves! Together let's enact a common decree To force the thief to return his loot, So that the mind is set free from the prison cell!

Let us blow upon our furnace ourselves, Strike the iron while it is hot! The state strangles and the law cheats, The taxes bleed the disadvantaged in society. The rich do not shoulder any responsibility; The rights of the poor is an empty word. It is enough to decay in servitude, Equality needs other laws! No rights without duty, she says, Conversely, no duty without rights. Hideous, in their glory, The kings of the mines and rail.

They have done nothing else, But to steal others' work. In the strongboxes of this band, What we created are all in there! In working for their restitution, They only want their rightful due. The kings deceive us with their fumes, Peace among ourselves, war to the tyrants! Let us encourage strikes in the armies, To wave their guns and disband their ranks!

If they insist, those cannibals, To make heroes of us, They will soon know our bullets, Are for our own generals. Labourers, peasants, we are The big party of workers The earth belongs only to humans The idle are going to live elsewhere How much they feast on our flesh But if the ravens and vultures Would one morning all disappear The sun would shine forever! Let emu warlords know terror, And let's go on walk about, Drink Fosters, and form workers co-ops, And let Bruce give us all a shout. So get fired up the lads, And do not dog the boys, The Internationale Will ring with sick cunt noise! So down a couple pingas, And get maggered off your face, The Internationale Unites the human race!

Emil Luckhardt. März bis zum Von den ursprünglich sechs Strophen werden durchweg lediglich noch drei gesungen. Sie setzte sich gegenüber konkurrierenden Versionen in den zwanziger Jahren dies letzten Jahrhunderts durch, die hier zu finden sind [ Die Fassung von Luckhardt hat viele altertümliche sprachliche Wendungen. Reinen Tisch macht mit dem Bedränger! Heer der Sklaven, wache auf! Ein nichts zu sein, tragt es nicht länger Alles zu werden, strömt zuhauf! Völker, hört die Signale, Auf, zum letzten Gefecht!

Die Internationale Erkämpft das Menschenrecht! Es rettet uns kein höh'res Wesen kein Gott, kein Kaiser, noch Tribun Uns aus dem Elend zu erlösen können wir nur selber tun! Leeres Wort: Unmundigt nennt man uns Knechte, duldet die Schmach länger nicht! Gewölbe, stak und fest bewehret die bergen, was man dir entzog. Dort lieft das Gut, das dir gehöret und um das man dich betrog. Ausgebeutet bist du worden! Il testo è ripreso dal forum NationalAnthems. The first German translation of the Internationale by Franz Diederich, in its 2nd version preceding anyway the publication of Emil Luckhardt's version.

The lyrics are reproduced from the forum NationalAnthems. A version by the working-class writer Rudolf Lavant , "Empor, ihr Enterbten der Erde", followed in It appeared in the first German worker-singers' newspaper "Lieder-Gemeinschaft", namely in No. As usual at that time, the lyrics were printed without sheet music. Franz Diederich second version A second translation by Franz Diederich was published since in workers' songbooks, e. Obviously, Diederich shrank from verse 5 of the original version " This verse was also banned by the Communist Party of France by order from Moscow in , making the military unassailable. Wir wollen neu die Welt erbauen, Sind nichts wir, lasst uns alles sein.

Schon jubeln des Siegers Signale! Empor, der Tag dringt ein. Die Internationale Wird die Menschheit sein! Wir schaffen, um uns selbst zu retten, Und unsre Rettung gilt der Welt! Die Hände weg von unsrer Scheuer! Dem Geist die Fesseln ab! So sei's. Wir heizen selber unser Feuer. Schlagt auf das Eisen! In Trug und Druck sind wir geschlagen. Das Blut der Adern presst der Raub. Den Reichen drückt kein Pflichtentragen. Des Armen Recht ist arm und taub.

Nun soll sich Zwang und Schmachten heben. Gleich sei der Zukunft Glücksgeschlecht! Wo Räder sausen, Öfen lodern, Ragt, was wir darbend aufgeführt. Nun kommen wir, es heimzufordern, Und fordern nur, was uns gebührt. Nur den, der schafft, soll Glück belohnen. Hinweg, die uns am Fleische hangen! Schon scheucht die Angst sie weit und breit: Sie flattern auf in Todesbangen — O steig empor, du Sonnenzeit!

Erich Weinert fu combattente antifascista tedesco durante la guerra di Spagna, nella brigata internazionale "Ernst Thälmann". La versione fu scritta in Spagna proprio per la colonna Thälmann. The alternative and complete version by Erich Weinert []. Erich Weinert was a German anti-fascist fighter of the Spain civil war, in the international brigade "Ernst Thälmann" and composed this version specially for the Thälmann column. Erich Weinert Vernunft bricht aus den Morgenröten. Aus Schlünden donnert sie Triumph.

Es stürzt die Welt. Der Tag ist nah, denn heut sind wir die Auserlesnen. Wir waren nichts, jetzt sind wir da! Zum letzten Kampf! Ihr alle, ihr Völker im Verein! Die Internationale wird alle Menschheit sein! Wir wissen, dass uns glücklich mache kein Gott, kein Kaiser, kein Tribun. Genossen, unsrer Freiheit Sache kann nur in unsren Händen ruhn! Packt, bis es brüllt, das Ungeheuer, und schafft dem Geist ein freies Gleis! Wir blasen jetzt ins eigne Feuer. Staat und Gesetz gehen über Leichen. Die Steuer wird zum Massenmord. Wo gibt es Pflichten für den Reichen?

Des Armen Recht? Ein leeres Wort! Es sprechen jetzt die Knechte, und das Gesetz der Gleichheit spricht: Nicht eine Pflicht mehr ohne Rechte und keine Rechte ohne Pflicht! Abscheulich blähn sich diese Götzen, die Herrn von Schacht und Eisenbahn. Sie machten unser Blut zu Schätzen, sie haben unser Gut vertan. Wann machen wir die Rechnung glatt? Das Volk will ja nur wiederhaben, was man dem Volk gestohlen hat. Die Herrscher machten uns betrunken.

Drum werft ins Heer der Freiheit Funken! Dann schlägt es mit dem Kolben drein. Wenn sie uns zwingen, die Barbaren, Soldat zu spielen noch einmal, wir werden unsre Kugeln sparen für unsren eignen General. Arbeiter, Bauern, kommt zum Ende! Wir sind der Schaffenden Partei! Die Welt gehört in unsre Hände. Der Reichen Schonzeit ist vorbei. Sie sogen Blut aus unsren Wunden. Erst wenn das Geiervolk verschwunden, wird unsre Welt voll Sonne sein! Ihr glückbetrog'nen Toren; Auf! Sklaven ihr der Hungerzunft! Hört ihr's im Krater nicht rumoren? Zum Durchbruch kommt die Weltvernunft.

Raumt auf mit allem morschen Plunder! Und vorwärts mit der Kraft des Stiers!

Fiorello:Cassano: L'Heidi Dell'Autostrada Lyrics | LyricWiki | FANDOM powered by Wikia

Charlie Poole from North Carolina had a song that connected to all this. It's called "You Ain't Talkin' to Me," and the lyrics go like this: .. Alessandro/Bernart Bartleby - /6/5 - .. come credo che abbia fatto anche tu con questo scritto che è diventato un problema perchè citato da Dylan in persona. Visualizza altre idee su Lyrics, Music lyrics e Song Lyrics. La Persona Giusta, The Voice, Guerrieri. Mickey Dean . Roxette - Neverending Love 5 Anni, Testi. Casino Royale: Original Soundtrack: i-giochi.vanessadumplinghouse.com: Musica. Leggi di più. Una persona l'ha trovato utile. My only complaint - the end theme is missing the lyrics. This song is by Elio E Le Storie Tese and appears on the album Italyan, Rum del tipo: "Non trovero' mai la persona giusta" e ancora "Sono io ad essere sbagliato". Dopo qualche tempo ricontatta gli amici giustificando mesi di silenzio con la frase: "Ho avuto un casino di robe (Faso al telefono): "Ciao, senti, hai 5 minuti?. Tranquility Base Hotel & Casino – Title track scritta apposta perché l'ascoltatore possa immergersi e visitare in prima persona l'hotel e il casinò lunari che danno il titolo al disco. He's got himself a theme tune Four out of five – La voce del frontman galleggia su una linea di basso funky, il pianoforte. Visualizza altre idee su Lyrics, Music lyrics e Song Lyrics. John Lennon song lyrics print - Imagine - cream 5x WANT! .. Maroon 5 fall asleep to this every night. .. Persona GiustaMigliori CitazioniSaggezzaSorrisoRomanticismoParole Poeta Francesco Guccini - Mi piace far canzoni e bere vino, mi piace far casino. Visualizza altre idee su Music is life, Song Lyrics e Lyrics. Rock music, lyrics, and videos from Decatur, AL on ReverbNation Freddie Mercury Cantanti, Rock Classico, Persone, La Persona Giusta, Regine, Rock Freddie Mercury ( born Farrokh Bulsara 5 September – 24 November was a British musician, singer.

Toplists